I rifiuti e il documento di trasporto RAEE

Cosa bisogna sapere sul documento di trasporto RAEE

rifiutiraee

Con il D.M. n.65/2010 sono state regolamentate le modalità di gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei distributori e installatori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE) e da parte dei centri di assistenza tecnica.

Classificazione dei rifiuti

Con il termine RAEE, ai sensi dell’art.3 del D.Lgs. 151/2005, si intendono “tutti i rifiuti, inclusi i componenti, i sottoinsiemi e i materiali di consumo che sono parte integrante di un prodotto nel momento in cui si assume la decisione di disfarsene” e vengono classificati in:

  • raee provenienti da nuclei domestici: che comprendono sia i rifiuti originati da nuclei domestici (ossia dai cittadini privati) , sia quelli originati da attività industriali, commerciali, istituzionali e di altro tipo che per natura e quantità rientrano nella tipologia “domestico”.
  • raee professionali: rientrano in questa categoria tutti i rifiuti prodotti da attività amministrative ed economiche diverse dai “raee provenienti dai nuclei domestici”.

Questa tipologia di rifiuti non può essere smaltita insieme a tutti gli altri (organici, plastica, carta ad esempio) ma devono essere accumulati e portati in appositi centri di raccolta.

I RAEE devono essere raggruppati  in luoghi idonei, non accessibili da parte di estranei e pavimentati. Devono essere protetti da pioggia e vento, con idonei mezzi di copertura. E’  necessario prendere tutte le precauzioni per proteggerli da intemperie e agenti atmosferici, al fine di impedire il loro deterioramento o la fuoriuscita di sostanze pericolose. Nel caso dei Rifiuti altamente pericolosi la raccolta deve essere effettuata in luoghi diversi.

Il documento di trasporto RAEE

I rifiuti, in fase di trasporto, devono essere accompagnati da un Documento di Trasporto conforme a quanto previsto dal D.M. 65/2010. Le informazioni che deve contenere sono:

  • la numerazione progressiva;
  • il numero di schedario;
  • la data;
  • la tipologia di RAEE (se di tipo domestico o professionale);
  • le caratteristiche dei rifiuti;
  • le informazioni del distributore (nominativo, codice fiscale, estremi, comune, indirizzo, ubicazione dell’esercizio e eventuali informazioni sul luogo di raggruppamento);
  • i dati del trasportatore (codice fiscale, tipologia di mezzo di trasporto e targa);
  • il destinatario (nominativo del responsabile del centro raccolta);
  • nel caso di ritiro da domicilio va indicato il nome e l’indirizzo del cliente;
  • eventuali annotazioni;
  • firma.

Il documento deve essere compilato e firmato dall’incaricato al trasporto dei rifiuti, che agisce per conto del distributore, in 3 copie: due per il distributore (controfirmate dall’addetto del centro raccolta) e una per il centro raccolta che ha preso i rifiuti.

 Per il Documento di Trasporto RAEE:
compra subito